Regione Veneto
IMU ANNO 2020
 
La Legge n. 160 del 27/12/19 (legge di Bilancio 2020) ha abolito l’imposta TASI a decorrere dal 2020, accorpandola all’IMU. In sede di prima applicazione, il pagamento dell’acconto 2020 è stato pari al 50% di quanto versato nel 2019 a titolo di IMU + TASI (in presenza di occupanti la quota del 10% è a carico del proprietario) Con la rata a saldo, si provvede al conguaglio con le aliquote deliberate per il 2020 dal Consiglio Comunale. Con delibera di C.C. N. 25 del 25/05/20 sono state deliberate per l’anno 2020 le seguenti aliquote:
 
  DESCRIZIONE IMU NOTE
1 Aliquota ordinaria (altri fabbricati, seconde case, etc.) 9,60 ‰  
2 Abitazione  principale  (escluse cat.  A/1, A/8, A/9) e relative pertinenze
(max un C/2, un C/6 e un C/7) come definite dall’art. 13, co. 2 D.L. 201/11
e casa coniugale assegnata al coniuge dal giudice
ESENTE  
3 Abitazione principale di categoria catastale A/1, A/8, A/9 
e relative pertinenze (massimo un C/2, C/6 e C/7)
6,00‰ detrazione 
€ 200,00 annui
4 Abitazione NON locata di anziano/disabile residente in casa di riposo e relative pertinenze
(massimo un C/2, C/6 e C/7)
ESENTE  
5 Abitazione posseduta da cittadini italiani residenti all’estero (AIRE)
già pensionati nei rispettivi paesi di residenza a condizione
che l’immobile NON sia locato o in uso gratuito
ESENTE  
6 Fabbricati posseduti da cittadini italiani residenti all’estero (AIRE) non  pensionati a condizione
che gli immobili  NON siano locati  o concessi in uso gratuito
7,60‰  
7 Abitazione principale e pertinenze concesse in comodato gratuito a genitori o figli
(linea retta 1°grado) con contratto
REGISTRATO (dal 2019 estesa ex lege 145/18 art. 1 )
7,00 ‰ Riduzione 50%
base imponibile
8 Abitazione principale (massimo una) e pertinenze concesse in comodato gratuito
a parenti entro il 2° grado in linea retta o collaterale 
7,00‰  
9 Abitazione e pertinenze con locazione  a canone concordato (art. 1, co 53 e 54L.208/15) 9,60 ‰ Rid. imp. del 25%
10 Fabbricati strumentali all’attività agricola 1,00‰  
11 “ BENI MERCE” (fabbr.i costruiti e destinati dall’impresa costruttrice alla vendita e non locati) 2,00‰  
12 Immobili categoria catastale D (ad eccezione della categoria D/10) 9,60 ‰  
13 Terreni agricoli – Aree fabbricabili – Fabbricati dichiarati inagibili 7,60 ‰  
14 Terreni agricoli posseduti e condotti da coltivatori  diretti e IAP iscritti nella previdenza agricola ESENTI  
 
CODICI TRIBUTI:
3912 - abitazione principale non esente e pertinenze non esenti
3913 – fabbricati strumentali all’attività agricola – D10
3914 – terreni agricoli
3916 – aree fabbricabili
3918 – altri fabbricati (ad esclusione cat. D e D10)
3925 – fabbricati cat. D quota Stato pari al 0,76%
3930 – fabbricati cat. D quota Comune pari al 0,20%
3939 – beni merce

In occasione della scadenza del saldo (16/12/2020)  VERRANNO RECAPITATI per posta verso il 10 dicembre,  i conteggi e i modelli F24 per il pagamento del saldo.
E’ tuttavia possibile,  stante l’attuale situazione pandemica, che i conteggi arrivino a ridosso o oltre la scadenza. Nel caso si prega di provvedere al pagamento anche se oltre la scadenza.
In caso di mancato ricevimento dei conteggi, L’Ufficio Tributi fornirà supporto per la compilazione del modello F24 con le seguenti modalità:

- richiesta VIA MAIL AL SEGUENTE INDIRIZZO: imu@comune.istrana.tv.it e con la stessa modalità verrà restituito il modello compilato con i  relativi conteggi
- sul sito del Comune, nella SEZIONE CITTADINO, previa registrazione, si potrà scaricare il modello F24 compilato e verificare il conteggio
- prenotazione  TELEFONICA al  N. 0422/831818  (lunedì e mercoledì 09.00/12.30  - 14.30/18.00 -  martedì/giovedì/venerdì dalle 09.00 alle 13.00). Le modalità di consegna del modello F24 per il pagamento verranno comunicate alla prenotazione (per posta o ritiro allo sportello su appuntamento)
- calcolo ON LINE SUL SITO DEL COMUNE

SI RICORDA CHE L’IMPOSTA NON E’ DOVUTA PER L’ABITAZIONE PRINCIPALE E RELATIVE PERTINENZE (MAX 3 un per categoria C/6, C/2, C/7) AD ESCLUSIONE DELLE CATEGORIE A/1, A/8, A/9 E RELATIVE PERTINENZE.

SI RACCOMANDA AI CONTRIBUENTI DI VERIFICARE LA CORRETTEZZA DEGLI IMMOBILI CONSIDERATI IMPONIBILI E DI COMUNICARE EVENTUALI DISCORDANZE ALL’UFFICIO TRIBUTI

 
 
torna all'inizio del contenuto